Home » House of the Dragon Stagione 2 Recensione: la guerra dei Targaryen
House of The Dragon 2 Recensione

House of the Dragon Stagione 2 Recensione: la guerra dei Targaryen

Abbiamo visto in anteprima House of the Dragon 2, seconda stagione della serie tv prequel di Game of Thrones: la recensione

Dopo i cavalieri dei Vermi delle Sabbie di Dune: Parte 2 di Denis Villeneuve, Warner Bros passa dal dominio della fantascienza sul grande schermo a quello del fantasy per il piccolo schermo con l’attesissima House of the Dragon 2, nuova stagione dell’acclamata serie tv drama di HBO prequel di Game of Thrones tratta dal romanzo ‘Fuoco e Sangue’ del creatore della saga George RR Martin.

Qui anche produttore e co-creatore della serie insieme a Ryan Condal (il regista Miguel Sapochnik ha lasciato la serie dopo aver co-creato con Condal la prima stagione di House of the Dragon), lo scrittore americano – che deve occupare il tempo in ogni modo pur di NON finire il nuovo libro de Le cronache del ghiaccio e del fuoco intitolato ‘Winds of Winter’ – continua il suo tortuoso racconto di complotti politici e guerre fratricide che, tra incesto, violenza e fuoco di drago, ha sostanzialmente da solo riconfigurato un intero genere narrativo e tutto il suo immaginario.

Il trailer della stagione 2 di House of the Dragon

House of The Dragon 2: il grande fantasy per adulti

In otto nuovi episodi, diretti tra gli altri anche da Alan Taylor, un veterano del franchise de Il trono di spade, House of the Dragon 2 migliora in tutto i già buonissimi episodi della prima stagione. Dopo aver introdotto i personaggi e la nuova epoca del continente Westeros; i legami politici e di forza che connettono i rami dell’albero genealogico Targaryen e tutte le loro sottigliezze; i loro punti di debolezza, le loro meschinità e tutto ciò che li rende grandi, il racconto esplode in tutto il suo fragore.

Ogni puntata sembra pensata per mettere in mostra l’ampio budget messo a disposizione di HBO per quella che ad oggi – e lo dicono i numeri – è senza dubbio la serie di punta del prestigioso network. Tra voraci cunnilingus che mettono al centro la figura della donna in posizione predominante rispetto all’uomo – ritratto nel privato come un verme nudo, insicuro e piagnucolante anche quando valoroso sul campo di battaglia – e scontri tra draghi mozzafiato, tra battaglie campali incontenibili per il piccolo schermo e conflitti morali dilanianti, il grande fantasy adulto per l’epoca della contemporaneità è al suo massimo splendore.

House of The Dragon 2

La minaccia comune degli Estranei – che richiedeva la presenza di un eroe classico della prima era del fantasy per essere sconfitta – è ancora lontana (o già passata), qui c’è solo l’umanità più bieca e la sua innata capacità di autodistruggersi. House of the Dragon 2 arriverà in Italia dal 17 giugno su Sky e in streaming solo su NOW, in contemporanea assoluta con la messa in onda della seconda stagione negli USA.

Matteo Regoli

critica i film, poi gli chiede scusa si occupa di cinema, e ne è costantemente occupato è convinto che nello schermo, a contare davvero, siano le immagini porta avanti con poca costanza Fatti di Cinema, blog personale

Altri da leggere

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *