Home » What If…? Stagione 2 Recensione: la Marvel animata è una delizia
What If Stagione 2 Recensione

What If…? Stagione 2 Recensione: la Marvel animata è una delizia

Abbiamo visto in anteprima What If 2, la nuova stagione della serie tv animata Marvel disponibile su Disney+: la recensione

In vista delle tante (ben tre) nuove serie tv animate in uscita nel 2024 – X-Men ’97, Your Friendly Neighbourhood Spider-Man e Eyes of Wakanda – la Saga del Multiverso chiude questo difficile 2024 con la stagione 2 di Marvel What If, deliziosa serie tv che attraverso l’occhio sempre attento dell’Osservatore guida gli spettatori attraverso le infinite realtà parallele del vasto Multiverso.

Disponibile dal 22 dicembre su Disney+ con nove episodi inediti, che usciranno uno alla volta quotidianamente per nove giornate consecutive fino alla fine dell’anno, What If 2 riprende il modello di narrazione in pillole della prima stagione, con storie (spesso ma non sempre) autonome e autoconclusive che rileggono la storia del Marvel Cinematic Universe e immaginano versioni alternative dei suoi eventi principali.

Oltre al debutto di Kahhori, la prima supereroina originale creata dal MCU (vale a dire che non nasce nei fumetti: abbiamo intervistato uno dei suoi ideatori in questa puntata del podcast di Freaking News) via libera anche alle atmosfere natalizie, perché nel Multiverso c’è spazio per tutti, anche per un Babbo Natale…più Happy che mai.

What If 2: un Multiverso d’animazione

Vero e proprio trionfo del toon shading (per gli amici cel shading) che continua il lavoro di auto-riflessione della più prestigiosa e vincente casa di produzione hollywoodiana dell’ultimo decennio (nella maniera in cui analizza sé stessa e prende spunto da alcuni momenti cardine dei propri lungometraggi per immaginare realtà parallele – o Varianti – in cui un evento si è sviluppato diversamente rispetto a come i fan lo ricordano), What If 2 si rifa direttamente alle origini della Marvel, ovvero i fumetti.

In tal senso, come fosse un settimanale della Marvel Comics, What If…? è un passaggio chiave del progetto di diversificazione ideato da Kevin Feige con la Saga del Multiverso, e restituisce orgogliosamente ai suoi supereroi la loro fumettosità. E l’escamotage narrativo dell’Osservatore, un’entità cosmica che vede tutto senza poter intervenire, riflette senza mezzi termini l’esperienza dell’osservatore extradiegetico, lo spettatore, testimone fedelissimo dello svilupparsi delle vicende.

What If Stagione 2 Recensione 1

Con una fluidità di movimenti impressionante e un’espressività dei volti e una nitidezza dei fondali lontane anni luce da altre serie animate più o meno contemporanee, What If…? è un grande esperimento, divertente e scanzonato ma anche tremendamente riuscito a livello tecnico e gustoso da scoprire sul piano narrativo: una prova di forza che apre a possibilità letteralmente infinite e l’imminente inaugurazione di un piccolo studio d’animazione sussidiario dei Marvel Studios, che da ora in poi si occuperà esclusivamente di progetti animati per il MCU, appare già come una inequivocabile dichiarazione d’intenti. 

VOTO: 4/5

Matteo Regoli

critica i film, poi gli chiede scusa si occupa di cinema, e ne è costantemente occupato è convinto che nello schermo, a contare davvero, siano le immagini porta avanti con poca costanza Fatti di Cinema, blog personale

Altri da leggere

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *