Home » X-Men ’97 Recensione: su Disney+ un grande revival Marvel
X-Men 97 Recensione

X-Men ’97 Recensione: su Disney+ un grande revival Marvel

Abbiamo visto in anteprima X-Men '97, nuova serie tv animata dei Marvel Studios, revival del cult anni '90: la nostra recensione

Dopo averli rivisti brevemente nell’ultimo film MCU The Marvels (se ve la siete persa, ecco la recensione di The Marvels) e in attesa del debutto nelle sale cinematografiche del chiacchieratissimo Deadpool & Wolverine, nel quale i mutanti torneranno al centro di un progetto Marvel per il grande schermo grazie al team-up tra Ryan Reynolds (Deadpool) e Hugh Jackman (Wolverine), da oggi 20 marzo sulla piattaforma di streaming on demand Disney+ arriva X-Men ’97, la nuova serie tv targata Marvel Animation, etichetta dedicata alla creazione di serie animate originali ispirate a oltre 85 anni di storie Marvel (tra cui la prossima Your Friendly Neighborhood Spider-Man, in arrivo nel 2024 sempre sul servizio Disney).

X-Men ’97 è il revival-sequel di Inarrestabili X-Men – l’iconica serie tv animata degli Anni Novanta – e segue la famosa famiglia di mutanti alle prese con un mondo che li odia e li teme dopo la morte di Charles Xavier avvenuta nel finale della serie originale. Con le musiche dei Newton Brothers, e una sigla che ricrea quella mitica di Inarrestabili X-Men, la serie disponibile su Disney+ è una graditissima nuova aggiunta al sempre più vasto catalogo Marvel, al cui centro c’è sempre di più il mondo dell’animazione.

Il trailer di X-Men ’97

X-Men ’97: il ritorno degli Insuperabili X-Men

Anche se tra i vincitori degli Oscar 2024 l’acclamato film Sony Pictures Spider-Man: Across the Spider-Verse è stato superato all’ultima curva da Il ragazzo e L’airone di Hayao Miyazaki (qui la nostra lista dei Migliori Film di Hayao Miyazaki), l’impatto che la saga di Miles Morales ha avuto sul genere dei supereroi rimane innegabilmente importantissimo, con una moltitudine di nuovi progetti animati incentrati sul mondo dei supereroi, Marvel e non.

Harley Quinn, Invincible su Prime Video (la recensione di Invincible è a un click di distanza), la prossima serie tv di Batman sviluppata da Matt Reeves, Bruce Timm e JJ Abrams, i futuri progetti di Sony e Marvel ma anche se vogliamo il ritorno delle Tartarughe Ninja: Hollywood, oltre ad aver scoperto gli adattamenti live-action dei videogame, negli ultimi tempi sembra essersi accorta delle tante potenzialità che i personaggi dei fumetti hanno nel campo dell’animazione, l’anello mancante nella catena che collega la carta stampata dei fumetti al mondo del live-action.

X-Men 97 Serie TV Disney+

Anche il ritorno degli X-Men sembra quanto mai attuale, oggi: con la geniale analogia partorita da Stan Lee oltre settant’anni fa, che fa di questi personaggi gli eterni portabandiera delle minoranze, dei diversi, degli ultimi che cercano il diritto ad esistere in un mondo di odio che non li vuole, Ciclope, Jean Grey, Tempesta, Wolverine, Morph, Rogue, Bestia, Gambit, Jubilee, Alfiere, Magneto e Nightcrawler sembrano arrivare proprio nel momento giusto, a cinque anni dall’ultimo (brutto) film della saga X-Men: Dark Phoenix.

Col suo stile d’animazione 2D riletto in chiave moderna, e con le sue avventure surreali in grado di abbracciare quel lato fantastico ed esagerato dei fumetti degli X-Men che i film non hanno mai neanche lontanamente sfiorato, X-Men ’97 è semplicemente imperdibile per gli amanti di questi personaggi, della Marvel, dei supereroi e dell’animazione.

Matteo Regoli

critica i film, poi gli chiede scusa si occupa di cinema, e ne è costantemente occupato è convinto che nello schermo, a contare davvero, siano le immagini porta avanti con poca costanza Fatti di Cinema, blog personale

Altri da leggere

Post navigation

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *